La comunicazione,a causa del particolare contesto nel quale viene diffusa, è suscettibile di veicolare un messaggio fuorviante e potenzialmente angosciante per il pubblico dei consumatori

Ingiunzione n. 48/20 del 22/9/20
Nei confronti di Accademia Dante Alighieri S.r.l.
Mezzi Affissioni
Prodotto Accademia Dante Alighieri
Messaggio NON RISCHIARE LA TUA SALUTE e quella dei tuoi cari, frequentando classi affollate”
Articoli violati 2 – Comunicazione commerciale ingannevole – e 8 – Superstizione, credulità, paura

Il Presidente del Comitato di Controllo visto il messaggio pubblicitario “NON RISCHIARE LA TUA SALUTE e quella dei tuoi cari, frequentando classi affollate”, relativo a ‘Accademia Dante Alighieri’, rilevato sui vagoni della metropolitana di Milano nel mese di settembre 2020 ritiene lo stesso manifestamente contrario agli artt. 2 – Comunicazione commerciale ingannevole – e 8 – Superstizione, credulità, paura – del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Il messaggio in questione, volto a promuovere i servizi di una scuola privata con corsi di istruzione liceale, tecnica e recupero degli anni scolastici, mostra una giovane studentessa con il volto coperto da una mascherina, tipica del particolare momento storico, al fine di limitare la diffusione del virus Sars-Cov-2. L’headline che copre quasi per intero il messaggio, diffuso sui treni delle metropolitane milanesi, sottolinea “NON RISCHIARE LA TUA SALUTE e quella dei tuoi cari, frequentando classi affollate. #iorestoascuola”.

Ad avviso del Comitato di Controllo, la comunicazione in questione, a causa del particolare contesto nel quale viene diffusa, è suscettibile di veicolare un messaggio fuorviante e potenzialmente angosciante per il pubblico dei consumatori.

L’ingannevolezza del messaggio è generata dall’enfasi posta su un improprio pregio differenziale del servizio offerto, che diversamente da altre scuole sarebbe in grado di garantire meglio la salute degli studenti e di conseguenza dei loro cari in quanto eviterebbe il sovraffollamento.

Le regole per la ripresa dell’anno scolastico in sicurezza nel Paese sono infatti tutte tese a evitare assembramenti e classi sovraffollate al fine di garantire il distanziamento fisico necessario a ridurre l’eventuale contagio. Pertanto, la titolazione ad effetto risulta del tutto inopportuna e scorretta.

Inoltre, l’impostazione comunicazionale è tale da rendere il messaggio particolarmente insidioso, in quanto sfrutta la paura del pubblico nel particolare momento, l’attenzione rivolta verso i propri figli e cari, creando ambiguità e confusione al solo fine di promuovere il servizio offerto, ponendosi perciò in netto contrasto anche con l’art. 8 del Codice.

 

 

 

Consulta tutte le decisioni iscrivendoti all’Archivio IAP

Torna all’elenco delle decisioni

IAP è membro di EASA - European Advertising Standards Alliance e di ICAS - International Council on Ad Self-Regulation EASA_50