Il messaggio contiene perentorie ed enfatiche promesse che attribuiscono al dispositivo correttivo per l’alluce valgo pubblicizzato proprietà che trascendono la sua natura. Tutti gli effetti indicati sono infatti di natura terapeutica e curativa, funzioni che non possono essere attribuite a quanto reclamizzato.

Ingiunzione n. 35/20 del 29/6/20
Nei confronti di WeWork; Editoriale Bresciana SpA; Numerica Divisione Commerciale di Editoriale Bresciana SpA
Mezzi Stampa
Prodotto ‘Hallu Divider’, dispositivo correttivo per l’alluce valgo
Messaggio La famosa ballerina russa è riuscita a sfuggire alla disabilità”
Articoli violati 2 – Comunicazione commerciale ingannevole

Il Presidente del Comitato di Controllo visto il messaggio pubblicitario “La famosa ballerina russa è riuscita a sfuggire alla disabilità”, relativo a ‘Hallu Divider’, dispositivo correttivo per l’alluce valgo rilevato sul Giornale di Brescia del 24 giugno 2020 ritiene lo stesso manifestamente contrario all’art. 2 – Comunicazione commerciale ingannevole – del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale. Il messaggio si articola principalmente sulla base della testimonianza di quella che viene presentata come una ex star e ballerina, che elogia le potenzialità e gli effetti del dispositivo pubblicizzato. Secondo la testimonianza, il correttore ortopedico avrebbe apportato effetti immediati e duraturi sul suo organismo: “dopo appena 3 giorni il dolore ai piedi era scomparso”, l’infiammazione ha iniziato a sparire lentamente”, “le mie dita si sono raddrizzate”; “Dopo circa 14 giorni erano quasi dritte”. “Dopo circa 28 giorni non c’era più traccia delle mie dita a martello! È bastato un mese per far sparire definitivamente l’alluce valgo. Il prof. Rabiot assicurava tali effetti sarebbero rimasti per sempre.” . Tali perentorie ed enfatiche promesse appaiono volte ad attribuire al prodotto pubblicizzato proprietà che trascendono la sua natura. Tutti gli effetti indicati sono infatti di natura terapeutica e curativa, funzioni che non possono essere attribuite a un dispositivo come quello reclamizzato. Allo stesso modo fuorvianti sono i riferimenti dell’esperto riportati nella comunicazione, che attribuiscono una impropria aura di scientificità al prodotto, per avvalorarne effetti non riconducibili alla sua efficacia: “eliminare l’infiammazione delle articolazioni il 472% più velocemente rispetto ad altri apparati; “un sistema meccanico avanzato stabilizza l’arto danneggiato ad un livello che nessun altro correttore è in grado di fornire, quindi una volta guarito l’alluce valgo non si ripeterà mai più” “il 96,9% dei partecipanti è guarito completamente e irreversibilmente dal cosiddetto ‘dito a martello’ in meno di un mese”, “il processo di eliminazione dell’alluce valgo ha richiesto poco più di 28 giorni”. Del tutto impropri e ingannevoli per i consumatori sono pertanto i riferimenti a funzioni di ripristino o di miglioramento nell’ambito di evidenti condizioni patologiche: “elimina il dolore in soli 3 giorni”; “elimina i calli e il gonfiore ai piedi”; “evita l’intervento chirurgico (il 74% degli interventi all’alluce valgo portano a complicazioni)”; “a differenza delle iniezioni non è invasiva” ; “Ti libererai dall’alluce valgo una volta per tutte al 100%”. Si ricorda, infine, che l’ingannevolezza del messaggio deve essere valutata non solo per il contenuto dello stesso, ma anche in considerazione del pubblico cui è destinato, costituito da persone particolarmente sensibili al tema della salute (nel caso specifico il messaggio si rivolge a un pubblico di persone anziane) e per questo motivo portate ad una decodifica più allettante ed illusoria delle promesse del facile ottenimento di risultati particolarmente ambiti, con la conseguente amplificazione dei profili di ingannevolezza.

 

Consulta tutte le decisioni iscrivendoti all’Archivio IAP

Torna all’elenco delle decisioni

IAP è membro di EASA - European Advertising Standards Alliance e di ICAS - International Council on Ad Self-Regulation EASA_50