Per il Comitato di Controllo la comunicazione commerciale relativa all’integratore alimentare Cambiola  nella sua costruzione è suscettibile di indurre in errore i consumatori sulle caratteristiche e gli effetti del prodotto pubblicizzato.

Ingiunzione n. 12/20 del 27/02/20
Nei confronti di Remitan GmbH; RCS Mediagroup S.p.A.
Mezzi Stampa
Prodotto Integratore alimentare Cambiola
Messaggio “Dimagrire senza dieta! Scuoti adesso il metabolismo e fai cadere i chili di troppo!”
Articoli violati 2 – Comunicazione commerciale ingannevole; 23bis – Integratori alimentari e prodotti dietetici

Il Presidente del Comitato di Controllo visto il messaggio pubblicitario “Dimagrire senza dieta! Scuoti adesso il metabolismo e fai cadere i chili di troppo!” relativo all’integratore ‘Cambiola’, rilevato su Oggi, fascicolo n. 6 data copertina 13/02/2020 ritiene lo stesso manifestamente contrario agli artt. 2 – Comunicazione commerciale ingannevole – e 23bis – integratori alimentari e prodotti dietetici – del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale. Il messaggio è volto a pubblicizzare l’integratore ‘Cambiola’ con toni particolarmente enfatici, promettendo un dimagrimento “senza ricorrere alla dieta”. Ad avviso del Comitato di Controllo, la comunicazione nella sua costruzione è suscettibile di indurre in errore i consumatori sulle caratteristiche e gli effetti del prodotto pubblicizzato. Le perentorie ed enfatiche promesse vantate sono volte ad attribuire al prodotto, proprietà che trascendono la sua natura. Il messaggio infatti lascia intendere un’efficacia inverosimile del prodotto, accreditando nel pubblico l’erroneo convincimento che il solo utilizzo dello stesso consenta di ottenere in modo semplice e veloce un risultato certo in termini di dimagrimento, favorendo allo stesso tempo una errata decodifica in merito al ruolo di una dieta equilibrata ed ipocalorica. Inoltre il ricorso all’espressione “per dimagrire” risulta eccessivamente enfatico e perentorio, attribuendo in modo erroneo all’integratore la funzione di “dimagrante”, espressione in cui è insito il richiamo ad un atto terapeutico di particolare complessità e quindi di esclusiva competenza medica. Si ricorda, infine, che l’ingannevolezza del messaggio deve essere valutata non solo per il contenuto dello stesso, ma anche in considerazione del pubblico cui è destinato, costituito da consumatori particolarmente sensibili nei confronti di annunci che promettono il sicuro e rapido ottenimento di risultati ambiti e per questo motivo portati ad una decodifica più allettante ed illusoria delle promesse pubblicitarie, con la conseguente amplificazione dei profili di decettività.

 

Consulta tutte le decisioni iscrivendoti all’Archivio IAP

Torna all’elenco delle decisioni

IAP è membro di EASA - European Advertising Standards Alliance e di ICAS - International Council on Ad Self-Regulation EASA_50