La comunicazione ESI SpA relativa agli integratori alimentari No Dol è suscettibile di indurre in errore i consumatori sulle caratteristiche e gli effetti dei prodotti pubblicizzati. Gli integratori alimentari possono vantare unicamente un’azione di mantenimento di una situazione normale e non di soluzione a condizioni patologiche.

Ingiunzione n. 58/20 del 26/11/20
Nei confronti di ESI SpA
Mezzi TV
Prodotto Integratori alimentari No Dol
Messaggio Integratori alimentari per dolori articolari e muscolari”
Articoli violati 23bis – Integratori alimentari e prodotti dietetici

Il Presidente del Comitato di Controllo visto il telecomunicato relativo agli integratori ‘No Dol’, rilevato sulle reti Mediaset nel mese di novembre 2020 ritiene lo stesso contrario all’art. 23bis – Integratori alimentari e prodotti dietetici – del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale. Il messaggio, volto a pubblicizzare gli integratori “NO DOL”, è suscettibile di indurre in errore i consumatori sulle caratteristiche e gli effetti dei prodotti pubblicizzati. La promessa vantata “per dolori articolari e muscolari” è volta ad attribuirgli proprietà che trascendono la loro natura; una decodifica favorita anche dal nome stesso dei prodotti, in diretto e perentorio collegamento nell’estrema concisione del messaggio, con tale promessa. Il messaggio infatti lascia intendere un’efficacia inverosimile e risolutiva degli integratori alimentari, che possono vantare unicamente un’azione di mantenimento di una situazione normale e non di soluzione a condizioni patologiche. Nella comunicazione manca inoltre il riferimento alla necessità di un controllo medico per una precisa valutazione della propria condizione e, ove necessario, di un corretto approccio terapeutico, risultando perciò pericolosa in quanto può indurre il pubblico a trascurare le normali regole di prudenza e a diminuire il senso di responsabilità in relazione alla propria salute. Si consideri, infine, che l’ingannevolezza della comunicazione deve essere valutata non solo per il contenuto della stessa, ma anche in considerazione del pubblico cui è destinata, costituito da consumatori particolarmente sensibili nei confronti di messaggi che promettono il sicuro e rapido ottenimento di risultati ambiti, e per questo motivo portati ad una decodifica più allettante ed illusoria delle promesse pubblicitarie, con la conseguente amplificazione dei profili di decettività.

 

 

 

 

Consulta tutte le decisioni iscrivendoti all’Archivio IAP

Torna all’elenco delle decisioni

IAP è membro di EASA - European Advertising Standards Alliance e di ICAS - International Council on Ad Self-Regulation EASA_50