Ingiunzione 50/2015

Ingiunzionen. 50/15 dell’8/7/15
Nei confronti diBCTV Srl
MezziTV
ProdottoProdotti per vene varicose
Articoli violati2, 23

Il Presidente del Comitato di Controllo vista la telepromozione “Una soluzione a portata di mano”, relativa al kit “Livariz: spray e crema”, diffusa su La7 nel mese di giugno 2015 ritiene la stessa manifestamente contraria agli artt. 2 – Comunicazione commerciale ingannevole – e 23 – Prodotti cosmetici e per l’igiene personale – del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale. Il messaggio è volto a pubblicizzare prodotti di natura cosmetica proposti per risolvere il problema delle vene varicose. Espressioni enfatiche e perentorie come: “efficace trattamento doppia azione per le vene varicose”, “Lo spray criogenico inizia a funzionare immediatamente ed è altamente efficace per alleviare il dolore, rilassare le gambe, favorire la circolazione”, “Per combattere i fastidi delle vene varicose”, “Il gonfiore si riduce, la circolazione viene agevolata”, “Ci si sente meglio e si ha anche un aspetto migliore”, “Risultati graduali, visibili ed efficaci”, “Mostra le gambe senza vene varicose”, lasciano intendere un’inverosimile efficacia certa, veloce e risolutiva di un problema che può avere cause diverse, anche di natura patologica, che non è solo di natura estetica, attribuendo ai prodotti cosmetici in questione effetti che trascendono quelli ad essi effettivamente riconoscibili. Si rileva inoltre che la documentazione prodotta dall’inserzionista, a seguito della richiesta di dimostrazione delle promesse pubblicitarie ex artt. 32 e 6, non supporta l’efficacia dei prodotti vantata nel messaggio. Del tutto impropria appare l’aura di scientificità che la comunicazione crea intorno ai prodotti, illustrando immagini di ricercatori e laboratori, al fine di presentare i cosmetici in questione come “l’ultima tecnologia nel trattamento delle vene varicose a portata di mano”. Improprie risultano altresì le immagini “prima-dopo” di soggetti che avrebbero provato il trattamento: tali elementi all’interno di un messaggio pubblicitario di questo tipo sono scorretti sia da un punto di vista per così dire tecnico, perché non tengono conto della inevitabile variabilità della risposta individuale al trattamento reclamizzato, sia da un punto di vista prettamente comunicazionale, in quanto suscettibili di rendere il messaggio eccessivamente enfatico e illusorio. Si consideri, infine, che l’ingannevolezza della comunicazione deve essere valutata non solo per il contenuto della stessa, ma anche in considerazione del pubblico cui è destinata, costituito da consumatori particolarmente sensibili nei confronti di messaggi che promettono il sicuro e rapido ottenimento di risultati ambiti, e per questo motivo portati ad una decodifica più allettante ed illusoria delle promesse pubblicitarie, con la conseguente amplificazione dei profili di decettività.

IAP è membro di EASA - European Advertising Standards Alliance e di ICAS - International Council on Ad Self-Regulation EASA_50