Ingiunzione 37/2017

Ingiunzionen. 37/17 del 24/5/2017
Nei confronti diWebeers srl
MezziFacebook
ProdottoBirra
Articoli violati22

Il Presidente del Comitato di Controllo visto il post sponsorizzato “Ho letto che bere fa male, ho smesso di leggere” dell’azienda ‘Webeers’, rilevato su Facebook in data 19 maggio 2017 ritiene lo stesso manifestamente contrario all’art. 22 – Bevande alcoliche – del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.Ad avviso del Comitato di Controllo, il messaggio in questione si traduce nell’evocazione di aspetti che si pongono in contrasto con la lettera e la ratio dell’art. 22 del Codice, per il quale la comunicazione commerciale relativa alle bevande alcoliche non deve contrastare con l’esigenza di favorire l’affermazione di modelli di consumo ispirati a misura, correttezza e responsabilità. Esortare il pubblico ad acquistare i prodotti pubblicizzati usufruendo di un buono sconto, in sinergia con l’affermazione “ho letto che bere fa male, ho smesso di leggere”, rappresenta una scelta comunicazionale che, probabilmente al di là delle intenzioni, rischia di tradursi suggestivamente nella legittimazione ad un uso-abuso dell’alcol. Posto che quello dell’alcol è un tema estremamente delicato, sia per le implicazioni sociali che individuali che esso comporta, si impone certamente un’attenzione particolare alle molteplici forme nelle quali si può tradurre. A prescindere dall’eventuale intento ironico che si voleva presumibilmente veicolare, si ritiene che la comunicazione in oggetto trasmetta un messaggio di sicuro e rischioso impatto emotivo sui destinatari, risultando fortemente diseducativo per il pubblico in genere, e per quello dei giovani in particolare.

IAP è membro di EASA - European Advertising Standards Alliance e di ICAS - International Council on Ad Self-Regulation EASA_50