Ingiunzione 101/2013

Soins et Énergie Lab/tcol]
Ingiunzionen. 101/2013 del 9/12/2013
Nei confronti di
Mezzistampa
Prodottointegratore alimentare
Articoli violati2, 12, 23 bis
Il Presidente del Comitato di Controllo, visto il messaggio pubblicitario “Finalmente è stato svelato il segreto del Vigore Sessuale dei Grandi Samurai…”, rilevato su “For Men Magazine” – data copertina dicembre 2013, ritiene lo stesso manifestamente contrario all’art. 2 – Comunicazione commerciale ingannevole – 23 bis – Integratori alimentari e prodotti dietetici – e 12 – Salute, sicurezza e ambiente – del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.
Il messaggio è volto a presentare un integratore alimentare, cui si attribuisce in termini perentori ed esorbitanti la capacità di far conseguire agli uomini inverosimili effetti nella sfera sessuale, veicolando promesse palesemente decettive, potendo per tale motivo indurre in errore il pubblico. Nella comunicazione si afferma infatti, a mero titolo di esempio: “… la molecola del super-orgasmo che agisce come mega-stimolante sul pene e permette di far l’amore da 10 a 15 volte al giorno!”; “una capsula di Full Sex prima di far l’amore basta per ‘scaldare’ il meccanismo, scatenare l’erezione, decuplicare e fissare la rigidità del pene, ritardare l’eiaculazione, controllare e moltiplicare gli orgasmi all’infinito”; “una scoperta importantissima per tutti gli uomini timidi, complessati o impotenti”; “Oggi trattare l’andropausa, l’impotenza, l’eiaculazione precoce, o l’atrofia del pene, senza essere costretti a ricorrere alla chirurgia o ai farmaci, è una realtà”; “questo prodotto rivoluzionario allunga e ingrandisce il pene in modo spettacolare (in meno di un minuto dal momento dell’assunzione)”.
Ad avviso del Comitato, le promesse veicolate trascendono gli effetti riconoscibili ad un prodotto come quello pubblicizzato e accreditano irresponsabilmente nei consumatori il convincimento che l’integratore in questione possa costituire un’alternativa “naturale” ai farmaci o ai trattamenti terapeutici per la cura delle specifiche patologie menzionate nel messaggio. La comunicazione in tal senso inoltre sottovaluta l’importanza di evidenziare la necessità di un controllo medico per una precisa valutazione della propria condizione e, ove necessario, di un corretto approccio terapeutico, risultando perciò pericolosa in quanto induce il pubblico a trascurare le normali regole di prudenza e a diminuire il senso di responsabilità in relazione alla propria salute.
IAP è membro di EASA - European Advertising Standards Alliance e di ICAS - International Council on Ad Self-Regulation EASA_50