Pronuncia 32/2013 – con sintesi

Pronuncian. 32/2013 del 31/5/2013
PartiComitato di Controllo nei confronti di
Associazione di Volontariato Campagne per gli Animali
Mezziaffissioni
PresidenteGanbaro
RelatoreTermine
ProdottoComunicazione antispecista
Messaggio“Chi mangi oggi?”
DispositivoIl Giurì, esaminati gli atti e sentite le parti, accerta che l’ingiunzione n. 32/13 del 5-3-13 è divenuta definitiva nei confronti dell’Associazione di Volontariato Campagne per gli Animali e di CBS Outdoor srl, dichiara che l’opposizione proposta da Associazione di Idee Onlus è inammissibile per carenza di legittimazione attiva. Conferma, per quanto occorrere possa, l’ingiunzione stessa e conferma di conseguenza l’ordine di cessazione del comunicato contestato.

(Art. 9 – Violenza, volgarità, indecenza)
(Art. 10 – Convinzioni morali, civili, religiose e dignità della persona)
(Art. 46 – Appelli al pubblico)

Il Comitato di Controllo ha chiesto l’intervento del Giurì nei confronti di Associazione di Volontariato Campagne per gli Animali, in relazione alla pubblicità “Chi mangi oggi?”, diffusa attraverso affissioni, rilevate nelle città di Grosseto, Torino e Pordenone nel mese di febbraio 2013, ritenendola in contrasto con gli artt. 9, 10 e 46 del Codice di Autodisciplina.
Ad avviso del Comitato, il messaggio (che mostra l’immagine di un bambolotto con fattezze di un bambino fatto a pezzi e confezionato in una vaschetta) adotterebbe una comunicazione scioccante per stimolare il senso di colpa dei destinatari o colpevolizzarli, producendo “sentimenti di turbamento” eccessivi rispetto all’obiettivo di sensibilizzare su un tema di interesse sociale. Infatti, esso veicolerebbe un “perentorio giudizio di condanna” nei riguardi di chi vegetariano non è, ledendo, da una parte, le opinioni diverse che i cittadini possono avere sul tema, allo stesso modo in cui lede, con l’equiparazione dell’animale all’uomo, la dignità della persona; dall’altra, attraverso l’allusione allo smembramento di un corpo umano, darebbe un’ingiustificata rappresentazione della violenza.
L’Associazione di Idee onlus, al pari dell’Associazione Campagne per gli Animali (destinataria dell’ingiunzione) ha eccepito che non sarebbe fra i soggetti vincolati dal Codice autodisciplinare. Nel merito, la rappresentazione della bambola non solo non conterrebbe alcuna forma oggettiva di violenza, ma il contenuto veicolato è proprio la condanna di ogni violenza, anche quella che si può esercitare su tutto ciò che non è umano.
Il Giurì, dopo aver precisato che l’associazione opponente è priva di legittimazione ad agire nel presente provvedimento, ha sottolineato che il tema affrontato ha un forte rilievo nel cambiamento in atto della sensibilità culturale con cui si tende a porre il rapporto uomo-animale. Si tratta di un radicale cambiamento culturale che comporta resistenze e mutamenti a volte profondi nei costumi, compresi quelli relativi alla scelta del cibo, non sempre privi di traumatici effetti durante il lento processo di accettazione sociale. In questa prospettiva, l’attribuzione all’animale della qualità di “soggetto” non comporta alcuna svalutazione per l’uomo e quindi non può costituire offesa per la dignità della persona. Il riconoscere all’animale lo status di “soggetto”, proprio perché assunto dall’uomo come presupposto per una relazione etica, modifica la qualità della relazione, ma non le caratteristiche delle “specie”, ciascuna delle quali non altera né modifica ma mantiene la propria specifica natura.Il Giurì, esaminati gli atti e sentite le parti, accerta che l’ingiunzione n. 32/13 del 5-3-13 è divenuta definitiva nei confronti dell’Associazione di Volontariato Campagne per gli Animali e di CBS Outdoor srl, dichiara che l’opposizione proposta da Associazione di Idee onlus è inammissibile per carenza di legittimazione attiva. Conferma, per quanto occorrere possa, l’ingiunzione stessa e conferma di conseguenza l’ordine di cessazione del comunicato contestato.

IAP è membro di EASA - European Advertising Standards Alliance e di ICAS - International Council on Ad Self-Regulation EASA_50